Racconti brevi, piccoli misteri quotidiani, riflessioni sul giallo di Elena Grilli

elena-grilliBenvenuti nel mio blog. Se amate le letture di genere giallo, thriller e noir, siete nel posto giusto. Perché è esattamente quello che io amo scrivere.

Sono Elena Grilli. Scrivo storie di misteri e di delitti. Scrivo quello che mi piace leggere da sempre. Ho pubblicato il mio primo libro, “Come il mare ad occhi chiusi”, nel 2016.

Chi mi ha conosciuto da adolescente e prendeva lo stesso treno che prendevo io per andare a scuola, mi vedeva con un giallo Mondadori di Agatha Christie in mano, per tutto il tempo del viaggio. L’intreccio che stimola l’intelligenza e sfida l’acume mi ha sempre attratto in modo irresistibile. I miei gialli hanno quell’impronta.

C’è un personaggio, c’è un dilemma, c’è una situazione quotidiana che si spinge fino all’assurdo. Ecco quello che c’è nelle mie storie.

Una cosa che non ho mai sopportato è la sproporzione di visibilità e di eroismo tra personaggi maschili e femminili nei romanzi gialli e thriller. Per questo la mia scelta è di dare risalto all’ingegno, il coraggio, la bravura delle donne. Le mie eroine sono tutte diverse e non ce n’è una che primeggia sulle altre. Un personaggio che è poco più di una comparsa in un romanzo, può diventare l’eroina del successivo. Sta a significare che tutte le donne possono avere forza, sfrontatezza, furbizia, capacità di cavarsela, se sono poste in una situazione pericolosa, paradossale o misteriosa.

  • Stai calma Costanza

    Stai calma Costanza è il mio terzo romanzo, pubblicato con edizioni TriplaE nel 2019. Al centro c’è una donna, stramba e intuitiva, che si trova per caso in mezzo a fatti criminali.

  • Blue wonderful

    Lei si chiama Gloria Capaci e fa la poliziotta, ma non si sente affatto all’altezza del suo nome, anzi, si ritiene inadeguata… e sembrano pensarla così anche il suo capo e i suoi colleghi. Ma si dovranno ricredere…

  • Il cerchio delle donne

    Pubblicato nel 2017, questo giallo contiene, oltre a un intreccio ben congegnato, un approfondimento psicologico di personaggi femminili alle prese con la violenza di genere. Mi sembra che si possa definire un “giallo femminista“.

  • La vecchia rockstar

    Quando udì la porta chiudersi, aprì gli occhi. Udì un rumore leggero, dietro i fumi che salivano dalla vasca da bagno in cui si stava rilassando e dalla sigaretta che gli stava morendo in bocca. Ricky Barone scrutò pigramente oltre, per mettere a fuoco la figura che si avvicinava.

  • Maddy

    Lei, il paese lo odia. Per una sensazione che le ha sempre dato, il paese, come di un pericolo incombente che aleggia negli spazi interpersonali e negli cipigli.

  • Come il mare ad occhi chiusi

    Pubblicato nel 2016, è il primo romanzo che ho scritto. Un vero rompicapo che metterà alla prova le intelligenze più acute. Il finale ha dei risvolti imprevedibili: è quello che io definisco “giallo con sberla finale“.

  • Bambola del focolare

    Rimasi perplessa, quando il giardiniere, che avevo assunto per risistemare il giardino abbandonato da una decina d’anni, mi mostrò quello che aveva trovato dissodando il terreno.

  • Spettatori indifferenti

    Mi ricordai di quella vecchia storia quando in tv sentii parlare per la prima volta dell’omicidio di Kitty Genovese. Un caso, quest’ultimo, entrato negli annali della criminologia come esempio di impassibilità dei testimoni di fronte ad un crimine violento.

  • L’autrice e la creatura

    La coscienza era nuda, infreddolita, stanca e persa nel tempo. Uno stato alterato, che non mi era mai accaduto prima.

    Così, all’improvviso.

    All’improvviso, il ricordo dell’istante prima cancellato.

Stai calma Costanza
Il cerchio delle donne
Come il mare ad occhi chiusi